Non riempire sempre i tuoi spazi vuoti di contenuti.

Quando aspetto in fila per ordinare il mio drink in un bar, il mio istinto automatico è quello di afferrare il telefono. Ovviamente non devo fare niente di importante; solo scorrere all’infinito per un minuto o due prima che arrivi il mio turno per ordinare. Forse posso leggere qualche tweet, o i titoli delle notizie o le storie di Instagram. È lo stesso impulso che mi porta ad afferrare il telefono al mattino, subito prima di andare a dormire la sera e per tutto il giorno. A volte mi ritrovo a controllare un’app per circa i 20 secondi che ci vogliono per percorrere da un lato all’altro della mia abitazione. In nessuno di questi casi ho una ragione chiara o un obiettivo ben definito. È solo un’abitudine a cui sono stato gradualmente condizionato, come la maggior parte di noi nell’era degli smartphone: un inquietante impulso pavloviano (dal nome dello scienziato russo Ivan Pavlov che elaborò il concetto agli inizi del Novecento) a riempire ogni momento vuoto della vita con una qualche forma di “contenuto” mediatico Più mi rendo conto di questa abitudine spesso inconscia, più mi disturba. Il problema principale non è che quello che trovo in quello scorrere continuo è in gran parte sciocco (anche se questo è certamente un problema) ma è che togliere ogni ultimo brandello di spazio non mediatico nelle nostre vite, ci rende sciocchi. Per diventare saggi, abbiamo bisogno del vuoto nei nostri giorni; tempo per pensare; spazio per sintetizzare; momenti per stare fermi; pause mentali. Eppure l’era degli smartphone sta rapidamente cancellando queste cose, invitandoci di riempire ogni secondo libero della vita con qualcosa. Fare clic su questo! Guarda questo dopo! Ascolta questo podcast! Gli algoritmi sono progettati per attirare la nostra attenzione non solo parzialmente, ma totalmente, rendendoci stupidi. Ecco una piccola cosa che possiamo fare tutti per diventare un po ‘più saggi, quindi: ritagliarsi un po’ di spazio – qualsiasi spazio – per tacere, fermi e senza mediazioni piuttosto che lasciare che ogni centimetro della nostra attenzione sia colonizzato dal contenuto. Abbiamo paura dell’immobilità. Gli algoritmi di Internet stanno solo attingendo alla dinamica della nostra caduta, che affligge l’umanità. Odiamo la quiete. Siamo irrequieti e irrequieti, mai del tutto a nostro agio nel presente. C’è sempre qualcosa di produttivo che dovremmo fare, giusto? Blaise Pascal, in Pensées, riflette sul perché riempiamo le nostre menti con il passato e il futuro, ma raramente ci prendiamo il tempo per vivere nel presente: ‘Siamo così poco saggi da vagare in tempi che non ci appartengono. Siamo così vanitosì che sogniamo tempi che non ci sono, sfuggendo il presente. Il fatto è che il presente di solito fa male. Lo allontaniamo dalla vista perché ci angoscia e, se lo troviamo piacevole, ci dispiace vederlo scivolare via. ” Perché la quiete presente è così stressante? Forse il silenzio disturba perché il costante ronzio del rumore ci distrae dalle realtà (ad esempio la morte) che preferiremmo non affrontare. Qualunque sia la ragione, la nostra avversione alla quiete non fa bene alla nostra crescita spirituale e allo sviluppo della saggezza. Torno spesso al Salmo 46 per radicarmi nell’immutabile sovranità di Dio in tempi instabili. Il versetto 10 contiene una delle mie frasi preferite nella Scrittura: “Stai calmo e sappi che io sono Dio”. Essere fermi – l’interruzione dello sforzo costante, del rumore frenetico e della distrazione – è fondamentalmente connesso alla conoscenza. Solo nella quiete possiamo iniziare ad apprendere il potere tonificante e la santità di Dio. E questa consapevolezza sbalordita è l’inizio della saggezza (Proverbi 9:10). Nel suo utile libro The Common Rule, Justin Earley suggerisce che i nostri momenti liberi non dovrebbero essere riempiti con vagabondaggio online senza scopo, ma piuttosto “riservati a fissare i muri, che è infinitamente più utile”. Fissare i muri è difficile, ma provalo. Lo spazio non mediatico e la quiete silenziosa sono estremamente gratificanti. Ma entrambi richiedono disciplina. Dobbiamo essere intenzionali nello scegliere il silenzio e la quiete in un’epoca rumorosa e irrequieta. C’è sempre un altro video da guardare, un articolo da leggere, un podcast da ascoltare, un libro da leggere. Queste cose possono essere preziose per la nostra saggezza? Ovviamente! Ma non quando andiamo incessantemente da un contenuto all’altro, senza concedere alla nostra anima pause per lasciare che gli input filtrino e vengano assorbiti come nutrimento. Mangiare costantemente nei fast food ti farebbe ammalare. Così è con il consumo di informazioni. La stoltezza è dilagante oggi in parte perché raramente siamo abbastanza fermi nello sperimentare l’immobilità. E la quiete è un prerequisito per la saggezza. Non è che le nostre motivazioni siano sempre cattive. La tendenza evangelica protestante a voler “riscattare il tempo” ottimizzando ogni minuto è comprensibile. Ci sono solo così tante ore in un giorno, ma c’è ancora così tanto da imparare. Possiamo così giustificare l’ingordigia di contenuti in nome di nobili desideri di essere cresciuti, attrezzati, dotati di risorse e informati. Ma esiste una cosa troppo buona. Un buffet del cibo biologico più sano del mondo ti farebbe comunque ammalare se tornassi a riempire il piatto troppe volte. Così è con l’insondabile grande “buffet di contenuti” che è Internet. Ci sta facendo ammalare, come osservo nel capitolo uno (“Ghiottoneria informativa”) del mio nuovo libro, La piramide della saggezza. Perché non sono un grande ascoltatore di podcast Questo è il motivo per cui non ascolto davvero i podcast. Non ho nulla contro i podcast come modulo – come qualsiasi cosa, possono essere fantastici e possono essere terribili. È solo che, tra le altre forme di contenuto a cui ho dato la priorità (principalmente libri, film e musica), di solito mi rimangono solo pochi momenti “intermedi” della mia giornata in cui potrei spremere un podcast. La guida è una di queste. Ma per me guidare è una delle mie uniche possibilità di pensare. Potrei ascoltare un podcast mentre lavo i piatti o qualche altra faccenda domestica – oppure potrei usare quel tempo prezioso per elaborare o pregare attraverso tutto ciò che già mi scorre nella mente. Mentre faccio il giardinaggio o vado a fare passeggiate all’aperto, potrei ascoltare un podcast che mi riempie la testa di contenuti stimolanti. Oppure potrei semplicemente nutrire la mia anima con la stimolazione sensoriale della creazione di Dio: l’aria che soffia, il canto degli uccelli, la California meridionale odora di agrumi, sale marino e gelsomino. Non sto dicendo che dovresti rinunciare ai podcast. Ti sto suggerendo di rinunciare a qualcosa per liberare un po ‘più di spazio vuoto nella tua vita. Riconosci che la quiete è vitale per la tua salute spirituale in un’età eccessivamente stimolata, anche se significa perdere alcuni contenuti di qualità.

Brett McCracken è caporedattore e direttore delle comunicazioni presso The Gospel Coalition. È autore e pastore della Southlands Church Brea, California.

2 pensieri su “Non riempire sempre i tuoi spazi vuoti di contenuti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *